Chiuso monasteri buddisti in Tibet; Infezioni coronavirus confermate nelle regioni tibetane della Cina
January 31, 2020
La vita del Buddha — principe, guerriero, meditatore, e infine insegnante illuminato
January 31, 2020
Show all

NEUROIMAGING MOSTRA CHE LA MEDITAZIONE CAMBIA IL CERVELLO IN MEGLIO

SARAH SLOAT

1.20.2020

ALFRED PASIEKA/Biblioteca fotografica/Biblioteca fotografica/Getty Images

MENTE E CORPO

Un nuovo studio documenta come la meditazione altera la materia grigia del cervello.

La meditazione non è una novità: è un appuntamento fisso di molte religioni, ed è pratica da migliaia di anni. Tuttavia, la comprensione scientifica di come la meditazione cambia il corpo è in costante aumento. Alcuni studi indicano che la meditazione può cambiare fisicamente il cervello e il corpo, in grado di ridurre la pressione sanguigna, i sintomi di ansia e depressione e insonnia.

Ma è forse i cambiamenti al cervello che la meditazione può indurre che sono i più sorprendenti.Nel 2011, i ricercatori hanno riferito in Psichiatry Research: Neuroimaging che otto settimane di impegnarsi in una media di 27 minuti al giorno di meditazione si traduce in differenze nel cervello. Lo studio comprendeva due gruppi di persone che non avevano mai più meditato. Uno ha continuato a non meditare, mentre l'altro è stato messo in un programma di riduzione dello stress basato sulla consapevolezza presso l'Università del Massachusetts Center for Mindfulness.

Le immagini a risonanza magnetica (MR) sono state scattate della struttura cerebrale dei 16 partecipanti due settimane prima e due settimane dopo aver preso parte al programma, che comprendeva la meditazione che si concentrava sulla consapevolezza non giudicante delle sensazioni, dei sentimenti e dello stato della loro mente. Queste scansioni cerebrali hanno rivelato che il gruppo che meditava, rispetto al gruppo che non lo faceva, aveva aumentato la densità della materia grigia nell'ippocampo del cervello e diminuiva la densità della materia grigio-grigia nell'amigdala.

È interessante notare che l'amigdala interagisce con la risposta «lotta o fuga» del corpo mentre l'ippocampo è coinvolto con introspezione, apprendimento e memoria.

Il tuo cervello sulla mediazione

Amishi Jha, un neuroscienziato che non faceva parte di questo studio, ha detto a The Harvard Gazette che questi risultati gettano «luce sul meccanismo d'azione della formazione basata sulla mentalità», dimostrando che lo stress può essere ridotto non solo dopo otto settimane di questo allenamento, ma anche che la formazione corrisponde a cambiamenti strutturali nel cervello.

Altri lavori della stessa squadra hanno anche scoperto che la meditazione fa sì che i meditatori di 50 anni abbiano la stessa quantità di materia grigia dei bambini di 25 anni. E mentre altri ricercatori sono attenti a dire che la meditazione non è una cura magica per i problemi, sembra che valga la pena provare.

Leave a Reply

The Buddhist News

FREE
VIEW