La vita del Buddha — principe, guerriero, meditatore, e infine insegnante illuminato
January 31, 2020
Come la Cina Xi Jinping ha distrutto la religione e si è fatto Dio
February 2, 2020
Show all

Cos'è davvero l'Illuminismo?

By Giovanni Dienstmann on 31 dicembre 2016

Trovare il vero cammino verso la liberazione

I monaci buddisti, gli yogi indù, gli insegnanti spirituali moderni e gli appassionati di Burning Man usano tutti il termine «illuminazione spirituale» — ma stanno parlando della stessa cosa?

In questo articolo esplorerò cos'è l'illuminazione spirituale, sia la definizione tradizionale che l'interpretazione moderna. Non c'è consenso su questo argomento, ed è un'area di intenso dibattito metafisico.

Il mio scopo qui è quello di eliminare alcune idee sbagliate e di discutere gli atteggiamenti ottimali da sviluppare in relazione a questo alto obiettivo.

Il termine illuminazione ha diverse interpretazioni tradizionali e moderne.

La definizione tradizionale

Il concetto tradizionale di illuminazione deriva dalle tradizioni spirituali dell'India — in particolare le varie scuole di Yoga, Vedanta e Buddismo — e denota il più alto stato di conseguimento spirituale. La fine del percorso.

Alcuni dei sinonimi di illuminazione, forniti da diverse scuole di pensiero, sono:

Buddismo — Nirvana, Liberazione, Risveglio, Cessazione

Yoga — Liberazione (moksha, mukti), Realizzazione, Rilascio, Aloneness (kaivalya), Unione (yoga), Perfezione (poorna)

Vedanta — Auto-realizzazione, Conoscenza di sé, Jnana

Il concetto di illuminazione deriva dalle tradizioni spirituali dell'India.

La radice dell'illuminazione

Tutte queste tradizioni hanno diversi punti di disaccordo quando si tratta di definire la «natura metafisica» dell'illuminazione. Tuttavia, alla loro radice sembrano tutti d'accordo su almeno tre punti:

È permanente (non può essere perso una volta raggiunto)

Si tratta di trascendere l'ego

È la fine di ogni forma di sofferenza

Come puoi vedere, il bar è alto.

Ci sono somiglianze tra questo concetto e quello che viene chiamato Salvezza o «Regno di Dio» nel misticismo cristiano, e «Unione con Dio» nel Sufismo, ma esplorarli va oltre lo scopo di questo articolo.

Concetto Moderno

Secondo il Bhagavad Gita, solo una persona su un miliardo «conosce la Verità», cioè è Illuminata. Eppure, al giorno d'oggi ci sono molte persone che si giudicano illuminate. Stando così le cose, per il 99% di queste persone, una delle seguenti è vera:

(a) Credono di essere più avanzati sul percorso di quanto non siano effettivamente.

(b) Essi postulano diversi livelli di illuminazione, chiamando la definizione tradizionale «piena illuminazione», e si collocano da qualche parte in quella scala.

(c) Considerano la definizione tradizionale di illuminazione come mitica, esagerata o impossibile. Incapaci di capire come raggiungerla, ridefiniscono la liberazione secondo il loro livello di esperienza.

Ci saranno sempre persone nella categoria «a», e non sono così preoccupato per questo. L'ego è un maestro dell'inganno, e può anche segnare se stesso nella spiritualità.

Le persone tendono a ridefinire l'illuminazione in base al proprio cammino spirituale.

Il Vero Risveglio

Non ho problemi anche con la categoria «b», anche se trovo potenzialmente confuso e fuorviante nominare alcune fasi del modo come «illuminazione» quando in realtà non soddisfano gli standard tradizionali definiti per questo stato (come da riferimenti indù e buddisti).

Ci sono livelli di esperienza. Non ci sono livelli di Realizzazione. — Ramana Maharshi (parafrasato)

Ci sono molte pietre miliari sulla strada, dopo le quali avvengono trasformazioni profonde e permanenti, e molte delle possibilità di future sofferenze semplicemente cadono via. Ne parlo dall'aver osservato diversi insegnanti, e anche dalla mia esperienza personale. Queste pietre miliari sono meglio chiamate «risveglio» — e ci sono molti risvegli prima dell'illuminazione/liberazione finale.

Ci sono molti risvegli sulla strada prima di raggiungere l'illuminazione finale.

Distorsione del significato

Passando avanti, il vero problema sono le persone nella categoria «c». Stanno distordendo il significato essenziale dell'illuminazione. Forse confondono certi risvegli lungo la strada con la piena liberazione, giudicandosi illuminati.

Per «far funzionare quel lavoro» per se stessi, hanno bisogno di ridefinire l'illuminazione in termini più morbidi, in modo che corrisponda al loro livello. E poi, dato che c'è ovviamente molto lavoro ancora avanti per loro, o dicono che «l'illuminazione è un passo nel viaggio e non la fine di esso» o fingono che tutto ciò che manca ancora non sia importante (come la maggior parte dei neo-advaitins).

Non voglio dire che tutti coloro che affermano di essere illuminati sono ingannevole — né significa che non sono insegnanti spirituali efficaci. Ma, se non soddisfano i «requisiti tradizionali», mi sembra che manchino umiltà o consapevolezza di sé. Oppure dovrebbero usare un'altra parola per descrivere la loro esperienza/stato.

Il significato essenziale dell'illuminazione viene distorto nei tempi moderni.

La vera natura della realtà

Guardando il lato positivo, tuttavia, anche tale annaffiamento dell'illuminazione è benefico per alcune persone, poiché lo rende più realizzabile. Con ciò deriva una maggiore motivazione e dedizione alla pratica spirituale.

Tuttavia, si può ottenere questo beneficio senza distorcere l'insegnamento iniziale.

Molte delle tradizioni concordano sul fatto che l'illuminazione è già qui e ora, e che è la nostra vera natura — o la vera natura della realtà. Non è che dobbiamo realizzarlo o diventarlo, ma dobbiamo piuttosto eliminare gli ostacoli che si frappongono alla sua espressione.

Gli unici ostacoli sul tuo percorso sono quelli che ci metti tu stesso.

Sudden vs percorso graduale

Alcuni insegnamenti considerano la liberazione come un obiettivo, qualcosa per cui lavorare consapevolmente e metodicamente. Sottolineano la necessità di trasformare e purificare la mente — o addirittura trascenderla del tutto — attraverso pratiche come la meditazione, lo studio spirituale, l'etica, la devozione, ecc. Possiamo chiamarlo l'approccio graduale.

Altre tradizioni preferiscono enfatizzare l'aspetto «già presente» dell'illuminazione, e quindi centrare gli insegnamenti più intorno a indagare sulla vostra vera natura e semplicemente vivere nel presente senza attaccamento. Possiamo definirla l'approccio improvviso.

Una combinazione di pratiche sembra più auspicabile. O almeno essere consapevoli delle trappole del tuo approccio particolare. Il ricercatore in un percorso graduale può anche coltivare la sensazione che tutto è perfetto qui e ora, e che la vera natura è sempre accessibile. Al contrario, il ricercatore su un percorso improvviso può coltivare le pratiche e le qualità mentali del «approccio lento», e contemplare la verità di improvvisa illuminazione, coltivazione graduale.

Le tradizioni insegnano modi diversi per raggiungere un'illuminazione improvvisa e graduale.

Una direzione, non un obiettivo

L'illuminazione completa è possibile, e non è solo per i monaci. Tuttavia, è estremamente raro. Credo che in qualsiasi momento nel mondo ci siano probabilmente meno di cento persone in quel picco di successi.

Quando questa verità diventa chiara su quanto sfuggente e rara è piena illuminazione, molte persone si sentono scoraggiate, frustrate o demotivate. La quantità di sforzi è così grande, e i requisiti di tempo sono così notevoli, che molti concludono che «l'illuminazione non fa per me; non potrei mai esercitarmi come quei maestri». Per la maggior parte delle persone, cercare ossessivamente è in realtà una fonte di sofferenza.

Tutti questi problemi accadono quando prendiamo l'illuminazione come un obiettivo difficile, e ci aggrappiamo ad essa. E tutti questi problemi scompaiono nel momento in cui facciamo un piccolo ritocco nella nostra mentalità.

Non scoraggiarti da quanto raro sembra trovare piena illuminazione.

Un Tweak di Mindset

Cos'è questo aggiustamento? Guardare l'illuminazione come una direzione, piuttosto che un obiettivo.

Un obiettivo non è sempre destinato a essere raggiunto. Spesso serve semplicemente come qualcosa a cui mirare. - Bruce Lee

Questo atteggiamento impedisce anche i seguenti problemi: (a) sentire di non essere abbastanza buono, o degno; (b) sentirsi frustrati dalla lentezza dei vostri progressi o dalla dimensione della strada che ci aspetta; (c) voler rinunciare; (d) annacquare il concetto originale di illuminazione.

Una volta che lo consideri come una direzione, sei molto più morbido su di esso. Siete in grado di godervi al meglio il cammino stesso, senza ansia, e di crescere verso la liberazione in modo più organico. Diventa anche meno probabile che la tua ricerca spirituale interferisca negativamente con altri aspetti della tua vita.

Percorrete il cammino verso la liberazione vedendo l'illuminazione come una direzione, non un obiettivo.

Mettere le cose in prospettiva

In molte tradizioni, gli insegnamenti sono abbastanza binari: o sei ignorante o illuminato. Tuttavia, poiché l'illuminazione è così rara ed elevata, questo modo di vedere le cose spesso può essere inutile. Ci sono mille tappe importanti che possono accadere prima della piena illuminazione, e molti di questi stanno cambiando la vita. Riconoscere questi «mini-risvegli» può aiutare a mantenere il ricercatore motivato e in pista.

Gli Yogi avanzati, i monaci e i maestri che possiamo confrontarci sono al culmine del loro cammino. Sono come gli atleti olimpici della meditazione. Molti di noi sono solo dilettanti seri, appassionati o semi-professionisti. Pochissime persone si eserciteranno come quei maestri. Ma tutti — incluso voi — possono esercitarsi un po', e con il tempo godere di una vita molto più felice, più pacifico e più significativa.

Naturalmente, possiamo e dobbiamo guardare verso coloro che incarnano completamente lo stato di liberazione, allo scopo di essere ispirati a camminare in quella direzione. Ma questo cessa di essere utile una volta che si trasforma in un confronto auto-degradante.

Non paragonarti agli altri, ma tieni una visione aperta del tuo viaggio.

Godersi il Sentiero

Il cammino spirituale esiste per liberarci dalla sofferenza. Così possiamo trovare la vera pace, amore, saggezza, significato. Così possiamo vivere una vita profonda, una vita di verità. Quindi impariamo a seguire questa strada e a crescere in essa in modo dolce — senza violenza verso noi stessi (o gli altri), perché sconfigge lo scopo.

Impariamo a goderci il cammino stesso. Allora non ci saranno sacrifici. Nessuna lotta. Solo la naturale espansione della coscienza.

Se costringi un bambino a crescere rapidamente e abbandonare tutti i suoi giocattoli, questo non sarà efficace. Anche se crescerà più velocemente del solito, si riprenderà di questa crescita e manterrà allegati segreti ai giocattoli che sono stati abbandonati prematuramente.

Imparate a godervi il cammino spirituale e lasciate andare la lotta.

Crescere organicamente

Se invece semplicemente faciliti la sua crescita, arriva un momento in cui il bambino ha voglia di rinunciare a quei giocattoli di sua spontanea volontà. Questa è una crescita organica — indolore, naturale e tempestiva.

Questo tipo di crescita è ostacolato quando cerchiamo di confrontarci con gli altri sul cammino spirituale, fingiamo di essere davanti a dove siamo effettivamente, o ci aggrappiamo duramente all'obiettivo finale. Quindi evitiamo quella trappola e concentriamoci sul viaggio in questo momento, dove siamo realmente, un passo alla volta.

Con il tempo, man mano che la nostra pratica si approfondisce, ci sarà un senso di gioia, pace e libertà che deriva dalla vostra pratica spirituale che è diverso da qualsiasi cosa si possa sperimentare altrove. Quando questo inizia ad accadere... allora se ci vorranno ancora 5 mesi, 5 decenni o 5 vite per raggiungere l'illuminazione, non importa molto. Sei felice e bene, nel tuo posto unico nell'universo, e nient'altro conta.

Prenditi del tempo per approfondire la tua pratica e permettere alla tua crescita personale di svilupparsi organicamente.

Il tuo percorso unico

I primi segni di progresso sul percorso dello Yoga sono la salute perfetta, la leggerezza fisica, un viso luminoso, una bella voce, e la libertà dal desiderio. — Svetasvatara Upanishad

Non male, direi.

Per il mio lato delle cose, non pratica 16 ore al giorno come fanno i monaci, né seguo perfettamente gli insegnamenti. Medito 2 ore al giorno, e cerco di seguire i principi e le pratiche durante il giorno al meglio delle mie capacità. E posso dirvi, per esperienza personale, che i frutti dei primi passi nel cammino della Liberazione sono più preziosi di qualsiasi cosa il mondo possa offrirmi.

Tenendo questo in mente, e l'Illuminismo come un Nord (piuttosto che un obiettivo ossessivo), continuo sulla strada felicemente, sapendo che sto facendo la cosa migliore che potrei fare con la mia vita. Che l'illuminazione esista o no, che sia possibile per me o no — cercarla sembra condurre a una vita buona.

Il percorso che percorrete è il vostro viaggio e ogni passo vi porta ad una vita più felice.

Pensieri di separazione

In un certo senso, l'illuminazione e il servizio spirituale sono l'obiettivo e lo scopo di tutti i miei sforzi. Ma da una prospettiva più pragmatica, pratica semplicemente perché pratica. Prendo pratica perché è il modo migliore di vivere.

Cercatori spirituali prendiamo sul serio l'illuminazione, senza cambiare il significato originale di questo stato — per non divergere in piste che ci portano solo a metà strada.

Prendiamo l'illuminazione come una direzione, un Nord, e non un obiettivo difficile a cui aggrapparsi. Se succede l'illuminazione, è fantastico. In caso contrario, camminiamo con la convinzione che anche i primi veri passi sulla via della liberazione portano già più benefici per la vita e superpoteri di qualsiasi cosa possiamo trovare in questo mondo.

Leave a Reply

The Buddhist News

FREE
VIEW