Mostrate un po' di rispetto per il nostro Signore Buddha!

I monaci venerati vincono il riconoscimento Unesco
November 29, 2019
Il Buddhamania è andato lontano — riducendo un simbolo religioso sacro in oggetti decorativi alla moda
November 29, 2019

Mostrate un po' di rispetto per il nostro Signore Buddha!

Giornale Post di Bangkok

PATCHARAWALAI SANYANUSINCOLUMNIST

PUBBLICATO: 25 LUG 2012 ALLE 00:00

Credo che tutti noi dobbiamo aver avuto qualcuno che teniamo molto in considerazione e che non desideriamo vederlo essere insultato in alcun modo. E' bello vedere altre persone mostrare a lui o al suo rispetto nello stesso modo in cui facciamo noi, ma non possiamo fare a meno di sentirci offesi se fanno il contrario.

I reclami sono reazioni comuni nella maggior parte dei casi negativi, e le cose spesso diventano molto più intense per quanto riguarda le figure religiose.

Alla fine del mese scorso, un gruppo attivista di buddisti thailandesi chiamato «Sapere Buddha» ha organizzato una manifestazione a Bangkok per protestare contro le pratiche commerciali che mostrano mancanza di rispetto al Buddha.

Hanno accusato la catena di Buddha Bar (che ha una dozzina di rami in tutto il mondo) e l'animazione Disney Snow Buddies di dare un cattivo esempio nell'usare il nome del Buddha in modo inappropriato, e hanno anche attaccato il modo in cui l'immagine di Buddha è stata abusata nella merce.

La marcia è stata un tentativo di dire al mondo di smettere di mancare di rispetto a Buddha, rendendo chiaro che «Buddha non è pensato per tatuaggi, mobili, qualsiasi tipo di logo, o per essere usato come merce». Il raduno pacifico per sollevare questo problema è stato il primo nel suo genere nel Regno - e probabilmente anche nel mondo buddista.

La loro azione ha seguito il fatto che spesso ci siamo imbattuti in molti casi in cui il simbolo buddista, sia esso il nome e l'immagine del Buddha o la statua, è stato trattato in modo degradante da alcune persone insensibili, specialmente nei paesi occidentali dove il buddismo è una piccola religione minoritaria.

Ciò è dimostrato da molte immagini affondanti che si presentano nel cyberspazio nel corso degli anni che ritraggono come statue di Buddha siano state utilizzate solo come decorazione in luoghi inappropriati, tra cui un lounge bar e un bagno.

Per aggiungere insulto alle lesioni, abbiamo scoperto che le immagini di Buddha sono state utilizzate in modo improprio come elemento in molti prodotti improbabili come oggetti decorativi, abbigliamento e persino accessori.

Io stesso non ho potuto fare a meno di sentirmi ferito e turbato quando ho visto su un sito web una foto di uno sgabello scolpito nella forma della testa del mio venerato maestro con un bambino seduto su di esso. Ciò che mi ha colpito di più è stato quando, nelle prossime pagine web, ho notato un paio di sandali con immagini di Buddha sulle cinghie e poi un paio di jeans con un'immagine simile sulle due tasche posteriori.

Devo ancora vedere con i miei occhi se c'è davvero biancheria intima con l'immagine di Buddha su di esso come rivendicato da molti (e non voglio vederlo, dopo tutto) ma gli esempi di cui sopra sono sufficienti per farmi venire voglia di gridare a chi è dietro quelle folli creazioni: «Ehi! Lui è Lord Buddha, non Garfield! Smettila!»

Sono sicuro che tutti i buddisti si sentano come me. Abbiamo cercato a lungo di accettare pratiche così inaccettabili, confortando noi stessi che quelle persone semplicemente non capiscono la nostra religione e le sue norme, che potrebbero non voler ferire i nostri sentimenti, e che non sono consapevoli di fare grandi errori.

Non molto tempo dopo che il controverso Buddha Bar ha aperto la sua prima filiale asiatica a Giacarta alla fine del 2008 - in mezzo a forti proteste della minoranza buddista indonesiana - uno dei suoi proprietari francesi ha riferito che i buddisti avevano bisogno di «rilassarsi», che non avrebbero mai cambiato il nome o rimuovere il (grande seduta) Buddha statua (dalla sala da pranzo), e che era comune trovare Buddha nei ristoranti, citando che hanno portato fortuna.

Anche se due anni fa la corte indonesiana ha ordinato che la presa di Jakarta fosse chiusa per blasfemia, sembra che i proprietari francesi non abbiano mai rinunciato ai loro sforzi per espandere il loro ritrovo insensibile in altri paesi asiatici. E' triste vedere la gente priva di sensibilità religiosa. Ma è la cosa più triste quando quelle persone si preoccupano solo di fare soldi da aziende che sanno pienamente invocare male nel cuore dei buddisti di tutto il mondo.

Ogni religione è sacra per i suoi seguaci. Solo perché non riescono a vedere ciò che vediamo dietro qualsiasi materiale che compongono l'immagine o la statua, ciò non significa che possano prenderla in giro o trattarla come vogliono.

Tutti i buddisti rispettano Buddha come padre religioso.

La sua statua è considerata un'icona sacra e di solito è posta a livelli alti sopra, se non in un tempio. Il suo aspetto pacifico e rilassante dell'anima ci ricorda la sua compassione, la sua gentilezza e anche i suoi insegnamenti per fare solo buone azioni, astenerci dal commettere cattive azioni e purificare la nostra mente.

Tutti i leader delle religioni dovrebbero essere considerati con rispetto _ questo è buon senso. Ora che i buddisti thailandesi hanno fatto sentire la loro voce in tutto il mondo, spero di non vedere più atti indecenti nei confronti del mio profeta più amato, ma piuttosto rispetto reciproco.

La religione è una questione molto delicata. Solo un piccolo caso di blasfemia può portare a risultati indesiderati e inaspettati. Penso che sia meglio non «toccare» alcun simbolo religioso in primo luogo, ed è meglio lasciarli dove appartengono.

Patcharawalai Sanyanusin è uno scrittore per la sezione Life di Bangkok Post.

The Buddhist News

FREE
VIEW