Come ha fatto il buddismo a diventare una religione globale? Una panoramica

Eliminare il buddismo con Razing Statue of Deities
November 30, 2019
Il museo di Islamabad mostra una rara statua di Buddha
December 1, 2019

Come ha fatto il buddismo a diventare una religione globale? Una panoramica

Quanto segue è dal Buddhismo per principianti, il nostro sito Q e A-based, progettato per coprire le basi buddiste.

Di The EditorsWinter 2019

Illustrazione di Koldunova Anna/Shutterstock

Quanto segue è dal Buddhismo per principianti, il nostro sito Q e A-based, progettato per coprire le basi buddiste.

Il buddismo iniziò a metà del primo millennio a.C., in quella che ora è l'India nord-orientale, dove il Buddha diede i suoi insegnamenti e stabilì il primo ordine di monaci e suore. Questi primi buddisti viaggiarono di villaggio in villaggio, offrendo insegnamenti per l'elemosina.

La diffusione del buddismo oltre l'India settentrionale iniziò durante il regno (268-232 a.C.) di Ashoka, il cui impero comprendeva la maggior parte dell'India odierna e gran parte dell'Afghanistan e del Pakistan. Ashoka mandò missionari buddisti in tutte le parti del suo impero, in Sri Lanka, e lontano fino all'Egitto e alla Grecia.

Sotto il dominio di Ashoka, il buddismo è stato fondato a Gandhara (l'antico nome per la regione delle valli di Peshawar e Swat dell'odierno Pakistan) e si è diffuso ad ovest in Asia centrale. Gli artisti di Gandhara e dell'Asia centrale hanno prodotto squisita arte buddista, tra cui quelle che potrebbero essere le prime raffigurazioni del Buddha storico.

Nel I secolo d.C., missionari buddisti provenienti da Gandhara e dall'Asia centrale iniziarono a seguire i mercanti che viaggiavano verso est lungo la Via della Seta verso il nord della Cina. Allo stesso tempo, i monaci provenienti dall'India viaggiavano, per lo più via mare, verso la Cina meridionale e il sud-est asiatico, compresa l'Indonesia.

Il buddismo cinese, che si è sviluppato in diverse scuole uniche come la Terra Pura e Chan (Zen), è stato introdotto nella penisola coreana nel 4° secolo e in Giappone (inizialmente dai monaci coreani) nel 7° secolo.

Nel 641 una principessa cinese fu data in matrimonio con il re del Tibet, e introdusse il buddismo alla corte tibetana. Tuttavia, la maggior parte dei primi insegnanti buddisti in Tibet erano associati ai lignaggi indiani.

Il buddismo nel sud-est asiatico — Cambogia, Laos, Myanmar, Tailandia — venne dominato da Theravada, una tradizione che fu portata nello Sri Lanka. Sia Theravada che le forme cinesi di buddismo (Zen e Pure Land) si trovano in Vietnam.

Gli immigrati asiatici hanno portato il buddismo in Nord America nel 19° secolo. Allo stesso tempo, gli studiosi delle colonie europee in Asia hanno iniziato a produrre traduzioni di testi buddisti, che hanno attirato l'attenzione di pensatori come Arthur Schopenhauer e Ralph Waldo Emerson. Nel 20° secolo, un numero crescente di occidentali non asiatici iniziò a praticare il buddismo.

Col tempo il buddismo sarebbe scomparso dall'Afghanistan, dal Pakistan e dall'India, e molto quasi dall'Indonesia, anche se è stato reintrodotto in India e Indonesia nei tempi moderni. Oggi circa 500 milioni di persone praticano il buddismo in tutto il mondo, con quasi 1,5 milioni negli Stati Uniti.

The Buddhist News

FREE
VIEW