Le 10 migliori app di meditazione tirate in $195 milioni nel 2019, in crescita del 52% rispetto al 2018
January 31, 2020
NEUROIMAGING MOSTRA CHE LA MEDITAZIONE CAMBIA IL CERVELLO IN MEGLIO
January 31, 2020
Show all

Chiuso monasteri buddisti in Tibet; Infezioni coronavirus confermate nelle regioni tibetane della Cina

Di Craig Lewis

Buddhistdoor Global | 2020-01-29 |

I monumenti buddisti in Tibet, tra cui l'iconico Palazzo Potala, sono chiusi al pubblico da lunedì. Foto di Craig Lewis

Aggiornamento, 30 gennaio 2020: Il numero ufficiale di infezioni da coronavirus in Cina è salito a 7.771 giovedì, incluso il primo caso confermato nella Regione Autonoma del Tibet. Anche il bilancio ufficiale delle vittime in Cina è salito a 170. Il caso in Tibet significa che il virus si è ormai diffuso in tutte e 31 le divisioni provinciali della Cina continentale.

Tutti i monasteri buddisti e altri siti popolari e attrazioni turistiche in Tibet sono stati chiusi al pubblico da lunedì sulla scia dell'epidemia di Wuhan coronavirus (2019-NCoV), i media riferiscono. Sebbene la regione autonoma del Tibet rimanga finora priva di infezioni, i casi sono stati confermati nelle regioni occidentali della Cina, comprese le zone tradizionalmente tibetane.

Al momento della stesura, le infezioni da coronavirus confermate nella Cina continentale avevano raggiunto i 6.055, secondo i dati ufficiali delle autorità sanitarie cinesi, con un bilancio ufficiale delle vittime di 132 persone. Secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, il numero totale di infezioni nella Cina continentale supera quello dell'epidemia di SARS 2002-2003, che ha infettato 5.328 persone e ucciso 349 persone. Le infezioni da coronavirus globali sono ora riportate in totale 6.145, senza decessi finora segnalati al di fuori della Cina, rispetto alle 8.273 infezioni da SARS e ai 775 decessi in tutto il mondo nel 2002-2003.

Le chiusure del sito in Tibet includono l'iconico Palazzo Potala, la residenza ufficiale del leader spirituale del Tibet, il Dalai Lama nell'ex capitale Lhasa; il tempio Jokhang nel centro di Lhasa; e il Palazzo Norbulingka, la tradizionale residenza estiva del Dalai Lama. Il governo centrale ha anche ordinato a tutte le agenzie di viaggio di sospendere le vendite di tour nazionali e internazionali come parte degli sforzi per contenere la diffusione del contagio.

Le infezioni da Coronavirus in Cina sono in costante crescita. Da John Hopkins CSSE

Finora non sono stati riportati casi di virus nella regione autonoma del Tibet, tuttavia le infezioni sono state confermate nelle province cinesi che includono anche regioni tradizionalmente tibetane, con 24 casi nella provincia di Gansu, sei nel Qinghai, 108 nel Sichuan, 13 nello Xinjiang e 44 nello Yunnan, secondo i dati di Università John Hopkins. Le infezioni includono tre casi segnalati nella contea di Garze, nella provincia occidentale del Sichuan, nella tradizionale regione tibetana di Kham.

Un residente di Lhasa residente è stato citato dal sito di notizie Radio Free Asia come dicendo che le strade della città himalayana erano quasi vuote: «La maggior parte dei teashops e dei ristoranti sono tutti chiusi, e ci sono molte persone in servizio per impedire qualsiasi raduno di folle in tutta Lhasa, nel tentativo di prevenire la diffusione di l'infezione.» (Radio Free Asia)

«A partire dal 27 gennaio, tutti i viaggiatori che arrivano a Lhasa sono tenuti a rimanere in hotel per 14 giorni, e hanno dovuto sottoporsi a un controllo fisico approfondito», un'altra fonte a Lhasa è stato citato come detto. (Radio Free Asia)

Il governo centrale ha adottato misure per limitare la diffusione dell'epidemia. Da aljazeera.com

Leave a Reply

The Buddhist News

FREE
VIEW