CCP mostra No Misericordia alla dea buddista di Compassio

Un giorno nella vita del Buddha — Programma giornaliero del Buddha
December 6, 2019
ATTENZIONE! Non comprare o vendere l'immagine di Buddha per la decorazione ~ Karma
December 10, 2019

CCP mostra No Misericordia alla dea buddista di Compassio

12/06/2019 SHEN XINRAN

Nonostante le suppliche dei buddisti locali, una statua alta 17 metri di Guanyin nella provincia di Hebei fu demolita, unendosi alla lunga lista delle icone religiose distrutte della Cina.

di Shen Xinran

Il tempio buddista di Dabei, situato nella città di Shengfang, sotto la giurisdizione della città di Bazhou, nella provincia settentrionale di Hebei, fu inizialmente costruito nella tarda dinastia Yuan (1271-1368). In seguito distrutto, è stato ricostruito nel 2008, ripristinando il suo layout unico con una varietà di sale e magnifici statue buddiste. Il tempio è famoso come uno dei quattro grandi bodhimaù — un luogo di illuminazione e di risveglio — di Guanyin in Cina.

La statua in marmo bianco di 17 metri di altezza di Guanyin nel Tempio di Dabei costò più di un milione di RMB (circa $140.000) da realizzare. La figura del bodhisattva della compassione, del peso di oltre 400 tonnellate, era una caratteristica notevole nel tempio e un simbolo spirituale prominente per i buddisti locali che spesso venivano a adorare di fronte ad esso.

Tempio buddista di Dabei nella città di Shengfang della provincia di Hebei.

In ottobre, il governo locale ordinò di «aggiornare e rinnovare» il tempio e demolire la statua di Guanyin, sostenendo che «le statue religiose all'aperto non possono essere alte più di dieci metri».

Il governo locale ordinò di demolire la statua di Guanyin in ottobre.

«Migliorare e ristrutturare» non è altro che un pretesto», ha detto un buddista locale a Bitter Winter. «Le statue buddiste all'aperto sono importanti per i buddisti, e il governo teme che le icone delle divinità aumenterebbero il numero di buddisti, che influirebbero negativamente sul suo dominio. Attraverso rettifiche come questa, mirano a indebolire l'influenza del buddismo e infine a sradicarlo».

Cercando di fermare la demolizione della statua di Guanyin, i buddisti locali hanno presentato una petizione firmata a vari dipartimenti pubblici e al governo provinciale, chiedendo clemenza. «Siamo allarmati di sapere che la statua di Guanyin nel tempio buddista di Dabei deve essere demolita!» i credenti scrissero nel loro appello al governo. «Siamo sopraffatti da shock, panico e ansia. La statua di Guanyin è stata il nostro sostentamento spirituale di generazione in generazione. Sotto il suo scudo, tutte le famiglie possono vivere una vita felice, ognuno di noi può godere di salute e pace, e aiuta tutte le cose a rivelarsi di buon auspicio. Quali crimini ha commesso la statua sacra? Perché deve essere distrutto? Integra gli sforzi senza limiti, la speranza e la fiducia di decine di migliaia di credenti. Se la statua sacra rimane, lo spirito rimarrà. Se la statua sacra crolla, dove possiamo trovare il sostentamento spirituale?»

La petizione firmata dai buddisti locali, invitando il governo a revocare il suo ordine di demolire la statua di Guanyin.

Gli appelli dei credenti non sono riusciti a cambiare idea al governo. Non sorprende che in Cina le decisioni del regime totalitario superino sempre la volontà dell'opinione pubblica.

«Abbiamo cercato di negoziare con vari dipartimenti, ma tutti i nostri sforzi si sono rivelati inutili perché la demolizione è stata orchestrata dal governo, ordini impresso in documenti ufficiali», un credente locale ha rivelato a Bitter Winter. «Giorni fa, alcuni funzionari del governo provinciale vennero qui per un'ispezione. Tra pochi giorni arriveranno anche i burocrati del governo centrale. Era inaccettabile che lasciassero la statua non demolita. Se non fosse stata distrutta, il governo avrebbe fatto ricorso alla violenza, arrestando i buddisti che osavano resistere».

Il buddista ha anche rivelato che durante la demolizione, i funzionari ordinarono di chiudere tutte le entrate al tempio per impedire ai credenti insoddisfatti di entrare dentro per bruciare incenso e adorare. Ai monaci che risiedono nel tempio fu vietato di partire o entrare a volontà. I credenti locali provarono rabbia e tristezza, ma non osavano dire nulla, mentre guardavano la statua demolita pezzo per pezzo.

Dall'estate del 2018, le autorità locali in tutta la Cina hanno demolito statue religiose all'aperto su ordine del governo centrale, nell'ambito dell'attuazione delle nuove politiche in materia di religione. Numerose icone religiose sono state distrutte e nascoste, mentre molte altre sono state modificate per incorporare attributi della cultura tradizionale cinese, con conseguente spettacolo bizzarro.

The Buddhist News

FREE
VIEW