Chi era il Buddha?

Centinaia di statue buddiste demolite nella provincia di Sichuan
November 28, 2019
British Library’s “Buddhism” exhibition explores Buddhist printing centuries before Gutenberg
November 28, 2019

Chi era il Buddha?

PAR ANDREA MILLER| 15 NOVEMBRE 2019

Per tredici anni ho lavorato come giornalista, intervistando scrittori, attori, attivisti, insegnanti di dharma e altro ancora. Recentemente, qualcuno mi ha chiesto chi avrei intervistato se non ci fossero limiti e potevo intervistare chiunque volessi.

Questa non era una domanda a cui dovevo pensarci due volte. Senza dubbio, avrei chiuso indietro nel tempo circa 2.600 anni e zoccolo in tutta l'India settentrionale fino a quando non ho trovato il Buddha. Poi accendevo il registratore e mi tuffavo nelle mie domande sul milione e uno.

La tradizione vuole che il Buddha sia nato un principe di nome Siddhartha Gautama. C'era una profezia secondo cui Siddharta sarebbe diventato un grande re o un grande maestro spirituale. Il padre di Siddhartha riparò accuratamente suo figlio da qualsiasi cosa spiacevole, così suo figlio avrebbe scelto la via della regalità.

Il principe Siddhartha si sposò e ebbe un figlio suo. Poi, all'età di ventinove anni, vide la sofferenza per la prima volta: una persona anziana, una persona malata e un cadavere. Ha anche incontrato un ricercatore spirituale che stava cercando di trovare la libertà dalla sofferenza. Siddharta fu profondamente colpito e, nel cuore della notte, scivolò via dalla sua vita terrena nel palazzo.

Per sei anni, Siddhartha ha vissuto come un acetico, mangiando quasi nulla. Alla fine si rese conto che se avesse continuato a maltrattare il suo corpo, sarebbe morto. Se voleva raggiungere l'illuminazione, aveva bisogno di una via di mezzo — né aspra ascetica né indulgenza. Siddhartha mangiò una ciotola di riso latteo, che gli diede abbastanza forza per sedersi sotto un albero finché non capì la vera natura delle cose, diventando il Buddha.

Per i successivi quarantacinque anni, il Buddha insegnò agli altri come anche loro potevano raggiungere l'illuminazione. Poi, all'età di ottant'anni, apparentemente morì di intossicazione alimentare.

Questo è un bel po' di informazioni sul Buddha — e, credimi, c'è una montagna in più — ma è vero? Niente, apparentemente, fu scritto su di lui — né i suoi insegnamenti né la sua storia di vita — fino alla fine del I secolo a.C. Trasmessa oralmente per centinaia di anni, parti della sua biografia furono sicuramente mal ricordate e forse addirittura fabbricate.

Dato che non riesco a ottenere quell'intervista con il Buddha, ognuno di noi dovra' decidere da soli cosa crediamo sia fatto e cosa crediamo sia mito. Ma alla fine non sono convinto che importi così tanto. Ciò che è importante è se riteniamo o meno che i principi fondamentali degli insegnamenti attribuiti al Buddha, come le quattro nobili verità e la pratica della consapevolezza, siano profondamente veri e utili alla nostra vita, indipendentemente dalla loro origine.

The Buddhist News

FREE
VIEW